Oggi, 27 gennaio, ricorre la Giornata della Memoria, in commemorazione delle vittime dell'Olocausto. Leggi il nostro approfondimento e tutte le citazioni degli autori sull'argomento.

Poesie catartiche




poesia postata da: Dario Pautasso, in Poesie (Poesie catartiche)

Non adesso

Ti dicono alzati
Ti dicono di sorridere
Ti dicono la vita è bella!
Ti dicono un seme muore per ridare vita...
Hanno gran voce e non fanno nulla, nulla.
Portano via ratti ratti i loro bambini
Che guardano un uomo che soffre:
"non è bene che vedano piangere, capisci"
S'arrabbiano, "smettila di piagnucolare!"
Ti dicono, "ehi anche io sono a pezzi"... sai:
Le tasse da pagare, il mutuo, la cucina nuova
Mentre tu hai la morte nel petto
Ed infinite ghirlande d'universo si sfilacciano
Al suono troppo forte della vita che ti circonda
e ruota sulle strade infinite del mondo.

Ti dicono alzati
Ti dicono di sorridere
Ti dicono la vita è bella
Poi ti lasciano solo, disteso, sfinito, morto
Come una corteccia avviluppata dal tempo
Come un fiore di gelido vento
Come uno squarcio di luce verde in un tempio,
Hanno adempiuto al loro dovere:
hanno gettato le loro frasi circostanziali.
Amico, se non capisci, non ti biasimo
Non è facile. Ma risparmiami tutto questo.
Leggimi un libro che parli leggero
Di spazi comprensibili e finiti
Di visi normali, di sorrisi corretti.
Suonami la tua vecchia chitarra
Sposta quest'aria di malattia con note
Più gentili. Non a me l'Ipocrisia.
Non adesso.
Composta
venerdì 18 giugno 2010

poesia postata da: Dario Pautasso, in Poesie (Poesie catartiche)
Ogni tanto sorge il sole
E mi trova ancora sgomento
S'insinua nelle palpebre
Mi abbaglia mentre è ancora notte
Dentro.

Sarà un sole pallido
Ma c'è,
Ed è come scivolare nella meraviglia
Come portare in seno dei fiori
Freschi
Di campo
Da donare a chi vuoi bene.

Ogni tanto sorge il sole
Quando è ancora notte
Ed io piango di commozione
Nel vapore di quei fiori
Odorosi
Di campo.

Ecco: la notte celere
Fa ritorno
Ricompare quando il sole è ancora alto
Giunge senza parola
Meschina
Fredda
Ammaliatrice.

Fa ritorno mentre il sole mi fissa
Mi avverte "adesso fermati"
Mi osserva, la notte,
Severa e forte
Ed io mi fermo
Col sole dritto in faccia.
Taccio.


poesia postata da: Gianluca Cristadoro, in Poesie (Poesie catartiche)

Io e il nulla

Talora il nulla mi pervade, riempiendo di leggerezza le mie intenzioni.
Ne assaporo l'inebriante densità, il vacuo respiro di vita, la forza ispiratrice che sola corrobora la volontà e spinge all'azione.
Io e il nulla ci capiamo al volo, come due vecchi amici che si confidano segreti inauditi.
Il nulla mi attraversa senza far rumore, si sofferma, soltanto, per elargire un sorriso che regala speranza e che sa di eternità.
Composta
mercoledì 22 ottobre 2014